E alla fine ce l’abbiamo fatta, io e lei, a cavarci qualcosa di buono, a sperare che il gesto di togliere la foglia secca, mettere le mani sulla terra per sentire se é umida, parlarle, avrebbe portato beneficio ad entrambe.
Questa é credere in un divenire, legato indissolubilmente alla terra, al sole, alla cura. Reciproca.
Da piantina molto acciaccata e con poche speranze (all’inizio del secondo lockdown) a tronfio pansé con prospettive di buona evoluzione.
Io le sto dietro.
Sperando che la mia sorte segua la sua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *